Lievitati Dolci/ Ricette di Carnevale/ Ricette Sarde

Fatti fritti sardi | Para frittus

fatti fritti sardi

Anche se ieri si è concluso il carnevale con la famosa “pentolaccia”, ci tenevo a lasciarti questa ricetta sarda dei fatti fritti sardi, o para frittus (“frati fritti” in italiano), che dopo i favolosi ravioli di mandorle continuano la tradizione dei dolci fritti sardi preparati a Carnevale.

Cotti nell’olio extravergine d’oliva misto allo strutto sono la fine del mondo! Morbidissimi, con la crosticina leggermente croccante e dal sapore di fiori d’arancio. Se vuoi farli come ricetta tradizionalissima sarda vuole, puoi mettere un bicchierino di acqua vite al posto dell’acqua ai fiori d’arancio. Io ho preferito farli senza liquore, perché non avevo più acqua vite in casa! :p

La ricetta dei fatti fritti sardi è simile a quella delle ciambelle fritte o al forno, ma al posto del burro, da sarda convinta, metto lo strutto. Una ricetta simile, ma di una zona diversa della Sardegna è quella di Roberto Murgia, un Maestro della cucina sarda.

fatti fritti sardi verticale 3

Il nome un po’ particolare, che appunto vuol dire frati fritti, tradotto in italiano, pare sia perché il buco al centro ricorda la chierica dei frati, mentre il classico taglio della riga centrale dato dalla cottura, ricorda il cordone del saio. Io purtroppo il cordone al frate non l’ho messo, visto che la padella aveva troppo olio, ma sono usciti di una bontà unica e hanno lievitato bene!

I segreti per una buona riuscita della ricetta sono: non lavorare troppo l’impasto; stare attenta alla lievitazione; controllare benissimo tutte le temperature, sopratutto quando lievitano per la seconda volta; non dovendole friggere tutte insieme, conviene lasciare quelle che sono in attesa di frittura in un luogo asciutto, per far in modo che la lievitazione non vada male; per finire tenere la temperatura dell’olio in frittura bassa (nel mio era a 4 su un massimo di 9).

fatti fritti sardi verticale 2

Fatti fritti sardi | Para frittus
Preparazione
20 min
Cottura
10 min
Tempo totale
35 min
 
i fatti fritti sardi sono i dolci più famosi durante il carnevale in Sardegna. Cotti in olio extravergine di oliva e strutto sono la fine del mondo.
Piatto: Dessert
Cucina: Sarda
Porzioni: 30 persone
Autore: aromadimandorle
Ingredienti
  • 200 g Farina Manitoba
  • 300 g Farina 00
  • 60 g Strutto + per friggere
  • 1 bustina Lievito di birra secco 35 g lievito di birra fresco
  • 40 g Zucchero semolato
  • 250 g Latte
  • 2 Uova
  • 2 Arance la scorza grattugiata
  • 1 pizzico Sale
  • 2 cucchiai Acqua ai fiori d'arancio 25 g di acqua vite
  • qb Olio extravergine di oliva per friggere
Istruzioni
  1. Lievitino: in una ciotola, metti 100 grammi di latte tiepido, preso dal totale, e il lievito di birra. Lascia che si sciolga da solo (circa 20 minuti).
  2. Setaccia 100 grammi dal totale di farina in una ciotola e aggiungi il lievito con il latte.
  3. Impasta il tutto, copri con la pellicola e lascia lievitare nel forno con la luce accesa (20°) per circa 30 minuti.
  4. In un'altra ciotola monta le uova insieme allo zucchero.
  5. Aggiungi la farina restante, la scorza di arancia, l'acqua ai fiori d'arancio, e infine il lievitino.
  6. Infine aggiungi un po' di latte per iniziare a impastare.
  7. Se il latte sembra eccessivo puoi metterne meno, quindi aggiungilo piano piano all'occorrenza. L'importante è riuscire a incorporarlo bene all'impasto.
  8. Per finire aggiungi il pizzico di sale e lo strutto, impastando finché non diventa un composto elastico e liscio.
  9. Copri con la pellicola e fai lievitare per almeno 2 ore nel forno spento con luce accesa.
  10. Una volta che ha raddoppiato di volume, stendi l'impasto in un piano cosparso di farina e ritaglia le forme con l'aiuto di un coppa pasta o di un bicchiere, facendo anche il buco al centro da circa 2 cm, con un beccuccio da sac à poche ad esempio.
  11. Lascia lievitare per circa 2 ore, o almeno finché non raddoppiano.
  12. Prepara una padella capiente con olio extravergine di oliva e strutto, facendolo friggere, per poi abbassare la fiamma al minimo, in modo che la cottura sia lenta.
  13. Friggi i fatti fritti girandoli in entrambe i lati finché non diventano dorati, e scolali in un foglio di carta assorbente.
  14. Per finire passali in un piattino pieno di zucchero semolato.
Note

Da consumarsi al massimo entro 2 giorni.


fatti fritti sardi verticale 1

Altre ricette che ti potrebbero interessare

Nessun commento

Lascia una risposta

Grazie!!!