Home » Ricette delle Feste » Ricette Natale » Ravioli di patate sardi – Culurgiones

Ravioli di patate sardi – Culurgiones

di aromadimandorle
ravioli di patate sardi

Un primo piatto per eccellenza nella cultura sarda, i ravioli di patate sardi chiamati culurgiones.

La ricetta che propongo è con patate, parmigiano e menta, ma ci sono varie versioni con più o meno formaggio, oppure quella con solamente il formaggio.

Per realizzare i ravioli di patate sardi dovrete avere un po’ di pazienza e allenare sopratutto la mano nel fare la classica spighetta, ossia la chiusura che sembra appunto una spiga e che fa dei culurgiones un marchio riconoscibile. Ci tengo anche a dire che i culurgiones sono realimente un marchio IGP sardo e quindi rientrano in un disciplinare di applicazione.

In questa ricetta però non sono stata attenta al disciplinare, ma solamente ad utilizzare ingredienti freschi e ad allenarmi nel fare la spighetta, che a furia di sbagliare, mi è infine uscita più carina…mi dovrò sacrificare e farli ancora e ancora, per imparare meglio!

Se andate su google o youtube troverete video molto istruttivi su “come fare la spighetta dei culurgiones”.

Come per ogni ricetta Sarda che si rispetti, anche i culurgiones prendono nomi diversi secondo la zona di produzione, quindi potresti trovarli con il nome di culurgionis.

Il condimento che ho utilizzato è proprio quello base, quando hai voglia di gustarti il ripieno dei culurgiones e nulla più, il classico burro e salvia, veloce da fare e semplicissimo, oppure potete addirittura condirli con olio e parmigiano, o ancora fare una cremina con zafferano, panna da cucina e parmigiano.

Originariamente la ricetta dei ravioli di patate sardi era una ricetta realizzata apposta per Pasqua, come quasi tutte le ricette sarde, ma ormai vengono mangiati in ogni periodo dell’anno, ma sopratutto nelle grandi occasioni di festa: Natale, Pasqua, matrimoni, compleanni, onomastici…!

Insomma, ogni festa è perfetta per mangiare i culurgiones e nel caso non ci siano occasioni speciali si possono sempre creare, pur di mangiarli!

Il mio consiglio spassionato è di assaggiarli crudi, appena fatti! Da piccola mi hanno fatto scoprire questa cosa e purtroppo non sono ancora riuscita a togliermi il vizio di mangiarlo appena fatto!

Un altro consiglio ancora più interessante è quello di metterlo sopra la brace del caminetto ad arrostire leggermente in una griglia!

Mi ricordo quando lo facevamo nel caminetto di casa di mio nonno, mentre lui cuoceva la cordula, altro piatto prelibato sardo…mamma mia…che ricordi e che bontà!

ravioli di patate sardi con menta e formaggio
Ravioli di patate sardi – Culurgiones
Preparazione
1 h
Cottura
23 min
Riposo
30 min
Tempo totale
1 h 5 min
 

I classici ravioli di patate sardi, i culurgiones con il loro sapore squisito, ideali per pranzi importanti e da gustare in compagnia.

Piatto: Primo piatto
Cucina: Sarda
Porzioni: 4 persone
Autore: aromadimandorle
Ingredienti
Pasta violada
  • 500 g Semola fine + per stendere e conservare
  • qb Acqua tiepida (circa 150 ml)
  • qb Sale fino
  • 2 cucchiai Strutto (opzionale)
Per il ripieno
  • 300 g Formaggio pecorino fresco salato (chiamato “primosale”)
  • 600 g Patate
  • qb Menta fresca
  • 3 spicchi Aglio
  • 1 Cipolla
  • qb Olio di oliva extra vergine
  • qb Sale fino
Condimento semplice
  • qb Burro
  • qb Salvia fresca
  • qb Formaggio pecorino
Condimento particolare
  • 1 bustina Zafferano
  • 200 ml Panna da cucina
  • 1 cucchiaio Parmigiano grattugiato
Istruzioni
Pasta violada
  1. Impastate la semola e piano piano aggiungete l’acqua dove avrete disciolto il sale.

    semola e acqua
  2. Controllate l’acqua che versate perché potrebbe essere sufficiente anche una quantità minore di quella scritta, oppure di più, dipende dall’impasto.

  3. Fate sciogliere un po’ lo strutto e aggiungetelo impastando bene fin quando non ottenete un impasto morbido ed elastico.

    pasta
  4. Per realizzare la pasta violada allo zafferano prendete un pezzo di pasta e impastatelo con una o due bustine di zafferano, finché non diventa del colore che preferite.

  5. Lasciate riposare l’impasto coperto da un panno per almeno 30 minuti.

    pasta pronta
Ripieno
  1. Lessate le patate in acqua bollente (circa 20 min).

    bollire patate
  2. Nel mentre che le patate stanno bollendo preparate un soffritto con un l’olio d’oliva, la cipolla, l’aglio.

  3. Tritate finemente le foglie di menta e aggiungetele al soffritto.

  4. Grattugiate il formaggio pecorino.

  5. Una volta sbucciate le patate, schiacciatele con lo schiaccia patate o con una forchetta.

    schiacciare le patate
  6. In una ciotola capiente versate le patate schiacciate, aggiungete il formaggio pecorino grattugiato precedentemente, e il soffritto di cipolla, aglio e menta.

    unire patate con formaggio e menta
  7. Amalgamate bene tutto assieme, e assaggiatelo per vedere se la menta e sopratutto il sale vanno bene.

    amalgamare
  8. Prendete la pasta e lavoratela in un piano ricoperto di semola.

  9. Stendetela con una sfogliatrice oppure con un mattarello.

    passare nella macchina
  10. Per farli bicolore unite i due tipi di pasta e passateli nella macchinetta così da avere due bande colorate.

  11. Poggiate la pasta in un piano di lavoro con semola e con l’aiuto di un coppa pasta fate dei cerchietti, nel quale metterete un cucchiaio di ripieno.

    farcire
  12. Chiudetelo e con tutta la manualità che potete cercate di fare la spighetta, aiutandovi con i video che trovate su youtube, cercando di pizzicare i lembi della pasta.

    ravioli di patate sardi crudi
  13. Assaggiateli crudi per assaporare la bontà, oppure cuoceteli leggermente sulla brace.

  14. Mettete a bollire l’acqua in una pentola. Quando sta bollendo l’acqua, aggiungete il sale e versate i culurgiones facendoli cuocere per circa 3 minuti, o finché non risalgono in superficie.

Condimento semplice
  1. Per condirli fate soffriggere in una padella un po’ di burro con della salvia, aggiungete i culurgiones e infine impiattateli aggiungendo una spolverata di formaggio grattugiato.

Condimento con crema allo zafferano
  1. Fate cuocere in una pentolina la panna con lo zafferano e il parmigiano, finché non si forma una cremina.

  2. Mantecate un po’ i culurgiones dentro la cremina e servite.

Note

I culurgio nes vanno consumati caldi.

Se non li vuoi cucinare subito puoi anche surgelarli e conservarli tranquillamente.


Ricette correlate

Grazie per aver condiviso il mio post!